Le cavità carsiche, tombe dei martiri della follia umana. 

La pulizia etnica intrapresa da Tito e dai titini all'indomani del conflitto mondiale durante e dopo la violenza del nazifascismo.

E poi il massacro di vaste popolazioni e 350 mila italiani costretti all'esodo dalla Dalmazia, dall'Istria e dalla Venezia Giulia.

Se ne parlerà al Nicolucci Reggio in occasione del Giorno del Ricordo, ricorrenza istituita il 30 marzo 2004, con la legge 92 e celebrata il 10 febbraio di ogni anno.

Durante la giornata, infatti, saranno sfogliate le pagine di una storia spesso dimenticata , legata all'amaro destino di chi ebbe "la sola colpa" di essere italano .

Verranno visionati documentari e filmati e verranno proposti approfondimenti e riflessioni sugli eccidi perpetrati ai danni di migliaia di cittadini italiani per motivi etnici e politici dai comunisti di Tito.

Al termine del confronto sarà proiettato il film  "Cuori nel pozzo",  regia di Alberto Negrin.

 

Pin It